uccelli

Donne e uomini per una donna sindaco e per un vicesindaco donna

Condividi ciò che ami su

Donne e uomini per una donna sindaco e per un vicesindaco donna

Troppe volte le persone che ho amato e che amo non hanno capito e non capiscono perché dedico tempo ed energie alla politica.

Abbiamo litigato; nel migliore dei casi mi sono sentito accusare che non prestavo loro le dovute attenzioni (sicuramente è vero), nel peggiore dei casi che lo facevo e che lo faccio per egocentrismo.

Sebbene la mia ego sia solida e strutturata, mi sento di smentirli.

Io non sono io se non mi esprimo nella relazione pubblica, nel dibattito, nel conflitto delle idee e delle visioni. Se il mio io non si contorce per diventare noi.

Sono i momenti e le esperienze che più hanno insegnato e che mi servono anche nella vita di tutti i giorni. Ho imparato a parlare in pubblico, ho imparato a ragionare, ho imparato la differenza tra principio e strategia, ho trovato chi mi guidava, ho saputo riconoscere maestre e maestri, li ho abbandonati appena prima di sentirmi sicuro che avrei potuto navigare in solitaria. Per questo siamo ancora buoni amici.

Lo dico a chi non capisce la bellezza del fare politica: l’impegno è al 90% spalare merda, ma quel 10% restante ti cambia in profondità.

Ieri sera è stata un’occasione da 10%.

Una riunione di molte donne e qualche uomo, storie personali diverse, diverse generazioni, accomunati dal ritenere indispensabile la rottura del tabù del 1999. Vogliamo una donna sindaco e un vicesindaco donna.

Ambiamo a poco, più o meno a ribaltare il già visto e rivisto tavolo su cui gli uomini sbattono i pugni, si sentono alfa e si sperano capipopolo.

Chissà se ci riusciremo.

A me le partite già vinte in partenza non sono mai piaciute – né la pura testimonianza.

Di sicuro ho incontrato (e anche conosciuto) donne e uomini liberi che hanno lo stesso nemico: il predominio degli uomini sull’umanità e sul mondo.

Di sicuro è una sfida che solletica.

8 Commenti a “Donne e uomini per una donna sindaco e per un vicesindaco donna”

Lascia un Commento

Maurizio Cecconi
Maurizio Cecconi
Archivi
I miei cinguettii